Nintendo Power-Ups

È passato un mese dalla nascita di Bowsette e la febbre da fan-artismo non accenna a diminuire; a pochissimi giorni dal caos generato dalla “Super Crown” avevo già abbastanza materiale per proporvi un approfondimento sull’argomento, vi lascio solo immaginare che livelli possiamo aver raggiunto un mese dopo il giorno zero.

Nintendo Power-Ups – La nascita di Chompette

Non siete ancora convinti che la cosa sia sfuggita di mano? Non fraintendetemi, personalmente sono convinto che sia un momento incredibile per essere vivi e che la situazione darà una spinta qualitativa al Rule34, sperando in contaminazioni dirette sulla produzione videoludica ufficiale. Non è possibile però ignorare l’estrema ricerca di “originalità” di alcuni artisti.

Nintendo Power-Ups

Dite quello che volete ma ci ho riso, molto.

Sempre su Chompette…

 

Stabilito che sarebbe impossibile seguire con dovizia di particolari tutta la produzione “artistica” degli ultimi giorni non mi rimane che monitorare il tutto e segnalarvi le creazioni di maggior interesse. Oggi tocca all’artista SuperSatanSon che ha ben pensato di ampliare il concetto dietro la “Super Corona”, creando una sua serie personale di Nintendo Power-Ups!

SuperSatanSon Power Ups Pin-Up

SUPERSATANSON ONLINE

Twitter – Pixiv  – Deviantart

 

Se in fatto di disegnini l’argomento risulta ampiamente coperto, non mi resta che presentarvi il live action dedicato. Pensavate che i ragazzi di Wood Rocket si sarebbero fatti attendere con una porno-parodia su Bowsette? Infatti NO! Dai produttori di Fortnut e Dragon Boob Z eccovi un nuovo CAPOLAVORO cinematografico. April O’Neil nei panni di una tristissima Bowsette (di lunga più scadente dei cosplay visti fino ad oggi) e Tommy Pistol rappresentante letteralmente stocazzo di Mario ripropongono un imbarazzante fuck live action. Non che ci si potesse aspettare di più da un porno, se non un’attenzione maggiore ai costumi e senza strafare in trame assurde, una fedeltà al fumetto che ha dato vita a tutto. Da guardare a scopo puramente didattico e culturale. Containerd, recensioni di film porno come fossero film d’essai!

 

 

 

 

 

 


 

Il Giappone Imperialista e la Grecia prima dell’Euro

Della seguente favola il costrutto è fatto per coloro che, per troppo voler, perdono tutto.
Aveva un certo tale una Gallina, che faceva ogni giorno un ovo d’oro.
Credendo che la bestia peregrina chiudesse in grembo qualche gran tesoro, l’uccise, e aperto il fianco, la sua Gallina simile trovò a tutte l’altre che fan l’ovo bianco, così il suo danno ei stesso procacciò.
Convien questa lezione a molta gente senza discrezione.
Non son gli esempi rari di quei che, per la gola dei denari, della fortuna al gioco perdono il molto e il poco.

  • La Fontaine feat. Esopo

Il culo. Tutto passa da lì. Nella Grecia di oggi se qualcuno c’è che la crisi non l’ha sentita è perché se l’è fatto buttare al culo e con quello ci campa. Nella Grecia di Esopo buttarselo al culo fra artisti portava ispirazione e magari arrivavi ad inventarti “La Gallina dalle Uova d’Oro“. La stessa gallina le uova le rilasciava dal culo, che se il certo tale continuava a fargliele cagare piuttosto che squartarla e festeggiare con le frattaglie, faceva i soldi. Poi c’è il culo come concetto di fortuna, quella che ha Nintendo oggi per aver generato un “viral” che sta facendo scoppiare internet. Uno (o più) personaggi virali che hanno peculiarità di sfondare perché disegnati col culo di fuori.

La Gallina dalle Uova d'Oro

Nintendo ha oggi in mano la gallina dalle uova d’oro, come abbiamo visto di recente. Se sgozzarla o farla produrre spetta loro deciderlo, anche se i papà di Mario non hanno mai visto di buon occhio la creatività dei fan legata ai loro brand, specie se tale creatività sfocia in materiale NSFW. Bowsette è diventata in pochi giorni personaggio dell’immaginario collettivo nerd ma è stata solo la prima di una lunga serie. Una fake news già smentita annunciava la sua presenza in Super Mario Bros. U Deluxe.

La Gallina dalle Uova d'Oro

Nuovi personaggi realizzati aggratis! Nintendo, svegliaaaa!

In un’epoca dove il fanservice è all’ordine del giorno e titoli della serie Senran Kagura possono vedere la luce anche su Switch nulla vieterebbe a Nintendo, se non la politica anacronistica alla quale ci hanno abituati, di cavalcare l’onda. Bowsette, Princess King Boo e tutte le altre da inserire subito in Smash Bros e Super Mario Bros. U. Da mettere immediatamente in cantiere un titolo sulla falsariga di SNK: Heroines; sfruttare La Gallina dalle Uova d’Oro, non ammazzarla. Anche perché il meme non accenna ad arrestarsi…

La Gallina dalle Uova d'Oro

Princess King Boo

La Gallina dalle Uova d'Oro

Inutile puntualizzare sul potenziale infinito della “Super Crown” introdotta da Nintendo nei suoi titoli, Princess King Boo è solo il proseguo della follia Bowsette di questi giorni. Ma il concetto è ormai applicabile a tutto e tutti.

Chain Chompette

La Gallina dalle Uova d’Oro – Tutte le trasformazioni della Super Corona

 

Ayyk92, l’artista che ha dato il via a tutto questo degenero, è come molti di noi basito della piega che ha preso la cosa:

 

Per quanto possa essere preoccupato o affranto, il trend non accennerà a fermarsi e al fianco di fan art più o meno discutibili e della sessualizzazione di ogni oggetto animato e non proveniente dal mondo di Mario, pioveranno copiosi cosplay e altre massime espressioni della perversione umana. E nintendo, per una volta, non riuscirà a porre censura a tutto questo. Per tanto, se non puoi combatterli, alleati con loro, magri facendo proprio in modo che a trarne vantaggio siano le tue uscite future. Ma, a proposito di cosplay…

SutefaniiRoozu (Stephanie Santos) Bowsette Cosplay

Khainsaw (Kama Bree) Bowsette Cosplay

Aliga (Aliga Aileduo) Bowsette e Princess King Boo Cosplay

Tina Kinz Bowsette Cosplay

Holly Wolf Bowsette Cosplay

Kayla Erin Bowsette Cosplay

 

 

 

 

 


 

L’immediatezza della sessualizzazione

Il 13 settembre 2018 è stato mostrato al mondo l’ultimo Nintendo Direct… Da qualche parte nella vostra scatola cranica si sta formando l’affermazione che, GIUSTAMENTE, fuoriesce da ogni bocca nerd ultimamente quando si parla di News Nintendo, ovvero: ESTICAZZI?

Sì, vabbè Nintendo ma il dramma della Palestina?

Vi assicuro che, almeno a ‘sto giro, non potreste fare errore più grande, ignorando quanto si va delineando nel quartier generale di Mario. Per un aspetto FONDAMENTALE che vedremo fra pochissimo. Ma andiamo con ordine e proviamo a dare un senso alla strada che Nintendo sta seguendo da qualche mese, ipoteticamente alla cieca. Si presentano ad un E3, in fondo solo la fiera di settore più importante dell’anno, senza nulla da dire. Deludono sotto ogni punto di vista sia gli appassionati che i meno fanboy, di sicuro scazzano con gli investitori che preferiscono dirottare i loro soldi in borsa sulle bambole di silicone piuttosto che tenerli fermi in attesa di qualche nuovo miracolo di Miyamoto (e in una frase ho riassunto lo zoccolo duro di Containerd; LumiDolls, Shigeru e Fiera Losangelina). Qualcuno sperava recuperassero durante il Gamescom, sbagliando, altri attendevano il Tokyo Game Show, salvo venir presi alla sprovvista prima dell’evento.

Bowsette

Ricordate, per Nintendo non è mai Game Over!

In un direct che nessuno si aspettava recuperano in corsa tutto il terreno perso ultimamente, facendo come sempre il cazzo che vogliono. 2019 anno di Nintendo, anche se qualche colpo grosso lo spareranno già entro la fine dell’anno; Luigi’s Mansion, Animal Crossing, nuovi personaggi per Super Smash Bros Ultimate, Katamari, Daemon x Machina, Town, Yoshi,  fottio di titoli terze parti. E poi Final Fantasy in tutte le salse. Tutti i Final Fantasy che vi potevate solo sognare di rivedere su console Nintendo.

Poi l’online, con abbonamenti, giochi gratuiti, app per cellulare, chat di gioco e multiplayer anche su titoli di vent’anni fa. Cose che solo loro…

Nel caos ragionato che Nintendo ha voluto portare nelle nostre vite, fra la miriade di annunci che andrete ad approfondire su altri siti più indicati a parlare in maniera generalista dell’argomento videogames, a me ha colpito un aspetto più di altri, un gioco su tutti; New Super Mario Bros U Deluxe.

164 livelli, 4 giocatori in contemporanea, la rimasterizzazione di due grandi titoli per WiiU. Introduzione di due nuovi personaggi, Ruboniglio e Toadette. Poi, l’elemento fondamentale:

La “Super Corona”!

La “super Corona” non è una birra realizzata distillando gli umori intimi di Peach (leggere per credere), bensì un nuovo oggetto di gioco che sarà in grado di trasformare il nuovo personaggio Toadette in Peachette, per il massimo del divertimento!!!

Bene, direi che la news e l’articolo si possono anche chiudere qui, giusto? Non manca nulla rispetto a quanto vi ho abituati… già, ma il titolo? La sessualizzazione?

Il 13 settembre 2018 è stato mostrato al mondo l’ultimo Nintendo Direct. Il 13 settembre 2018 un simpatico fumettista ha realizzato questa strip immaginando cosa sarebbe successo a Bowser se avesse utilizzato la nuova “Super Crown”. Il 13 settembre 2018 è stato creato dai fan un nuovo personaggio dell’universo Nintendo, Bowsette. Dal 13 settembre 2018 ad oggi (e così a venire), un nuovo personaggio non ufficiale legato a Nintendo è stato sessualizzato. L’immediatezza della sessualizzazione.

Come dite? Volete sapere da me se esiste già un cosplay di Bowsette? E cosa ne dovrei sapere io, che sta cosa ha dell’assurdo già di suo per come è nata e quante fan-art ha già generato, non posso essere così aggiornato anche su quell’aspetto! In fondo è nato tutto solo il 13 settembre 2018!

Nadyasonica – Bowsette Cosplay

Bowsette

NADYASONIKA ONLINE

Instagram – Twitter – Facebook – Deviantart

 

 

 

 

 


 

NeoArtCorE (Nudtawut Thongmai)

Proprio quando pensavo di aver trovato in Sakimi Chan la perfezione artistica di chi disegna l’universo nerd a sfondo erotico, arriva quel tailandese di Nudtawut Thongmai a far vacillare le mie convinzioni.

Nudtawut Thongmai is one of the most famous digital artists in Thailand.  He is greatly valued for his skill in art direction and character development. Nudtawut has been creating hundreds of attractive characters for games and entertainment for the past 10 years.  He can draw just any style you ask for, and his creativity is tremendously outstanding.

Sorvolando sulla descrizione che fa di se, un po’ come le modelle di FemJoy o METArt che definiscono i loro scatti “nudo artistico”, apriamo lo scontro Canada vs Tailandia!

NeoArtCorE, Supereroi e Rule 63

NeoArtCorE

NeoArtCorE, Overwatch e Nudità

NeoArtCorE (Nudtawut Thongmai) ONLINE

DeviantArt – Pixiv – Patreon – Facebook – Twitter – Instagram

 

 

 

 

 


 

Sakimi chan, non solo hockey e sciroppo d’acero

Hi, I’m Sakimichan from Canada! Art is my passion and I will never regret the day I left my job to be a full-time illustrator. I hope to inspire you to discover and follow your life’s passion, wherever the path may lead. Thank you so much for appreciating my creations.

Così si presenta sulla sua pagina Facebook questa prolifica artista; classe 1991, canadese e con tanta, troppa voglia di inchiostrare. Lo dico perché, per proporvela, mi sono scaricato la sua galleria competa da torrent e sono più di 2GB di immagini ed ora non so veramente che cazzo mostrarvi!

SAKIMI CHAN ONLINE

DeviantArt – Pixiv – Patreon – Facebook – Youtube – Twitter – Instagram

Come anticipato in apertura, la galleria completa la potete scaricare via torrent qui, i link per seguirla in ogni dove ve li ho appena forniti. Le sue opere coprono tutto lo scibile nerdico, direi che val la pena beccarsi qualche virus per scaricare la galleria e vederle tutte. Se volete allargare le vostre vedute artistiche e conoscere un artista similare, ma non seguite regolarmente Containerd… beh, intanto, COGLIONI, che non sapete che cosa vi perdete!!! Poi, date un’occhiata a Artgerm.

 

 

 

 

 


 

Kingdom Hearts 3

Kingdom Hearts 3 è il secondo titolo trattato da Containerd con l’intento di dare una connotazione erotica all’E3 2018, iniziando a parlare della presenza di questo gioco alla fiera per poi arrivare a mostrare zinne sotto una qualsiasi delle forme che possono prendere.

A detta del suo creatore, questo capitolo sarà il conclusivo della serie; considerando i tempi di produzione (14 anni dal secondo al terzo) direi che si tratta di una scelta paracula, visto quante acquisizioni ha portato a termine Disney negli ultimi anni. A Nomura si sono seccati i coglioni al pensiero di dover studiare una trama coerente che potesse legare gli universi Disney, quindi ha ben pensato di chiudere prima che lo trovassero impiccato nella sua stanza per l’impossibilità di realizzare qualcosa di minimamente credibile.

Nell’idea di chiudere i giochi Nomura ha osato più del solito e durante le interviste fatte nel corso della fiera ha preparato i giocatori a rivelazioni shock; non è sceso in dettagli, ma persone a lui molto vicine sostengono che in Kingdom Hearts 3 verrà mostrato Topolino…. SENZA GUANTI!

Kingdom Hearts 3

Se su PS4 abbiamo avuto modo di godere di diverse collection per rimetterci in pari con la trama, così non è stato per i miseri utenti Xbox. Utile quindi in tal senso il megariassunto video previsto per ricostruire quanto accaduto in questo particolare universo di giochi, pubblicati ormai per qualsiasi formato conosciuto che manco Skyrim…

Due ore di video dove Nomura parlerà dei cazzi suoi, godibile a breve online o incluso nel gioco finito. Che peraltro uscirà in diverse edizioni limitate, fra qui una con i pupazzetti che troverete solo sullo store ufficiale Square Enix e che costerà un salasso. Per monetizzare ancora di più, nonostante il gioco di base già preveda una miriade di personaggi giocabili provenienti dalle saghe più disparate, DLC vari sono già previsti. Ma non un season pass, visto che sicuramente stanno già ragionando su “complete ultra mega edition” fisiche da pubblicare.

Articolo news terminato, dettagli esaminati male, ora possiamo andare oltre; se con Nier Automata abbiamo sfruttato il prolifico campo del cosplay, con Kingdom Hearts seguiremo il più complesso e frastagliato mondo dell’arte online, presentando l’artista Andrew Tarusov. Specializzato in Pin-Ups, a lui dobbiamo lavori rappresentativi delle principesse Disney in versione Sin City e Playboy

Andrew Tarusov – Disney’s Sin City

 

Andrew Tarusov – Playboy Disney Princesses

Andrew Tarusov – Princess and Villain Pin-up

 

 

 

 

 


 

Artgerm e le sue eroine da copertina

Artgerm (vero nome Stanley Lau) è un giovane artista originario di Hong Kong; oltre ad aver realizzato i lavori interessanti che fra poco andremo a vedere è anche fondatore della Imaginary Friends Studios, che racchiude un gruppo di illustratori e artisti che hanno lavorato al character design di alcuni prodotti digitali a noi tanto cari. Ma su Containerd ne parliamo perché ha disegnato bene eroine con un seno importante, quindi vediamo e valutiamo il suo operato:

Artgerm

ARTGERM ONLINE

DeviantArt – Sito Facebook Youtube – Twitter Instagram

 

Viva le rotondità, vivaStanley Lau, viva gli artisti che come lui spingono il concetto di morbidezza!

 

 

 

 

 


 

What The PooP

Aaaaah, l’internet e il suo miraggio di facile successo e notorietà, luogo in cui chiunque può aspirare a successo e notorietà. Nulla di più lontano dalla verità, internet è spietato e se non hai contenuti validi o edificanti oppure abilità concrete non riuscirai mai ad emergere dal limbo degli ignorati; dimostrazione di quanto appena scritto, CiccioGamer ha milioni di visualizzazioni mentre Containerd me lo cago solo io! Qualità contro cattivo gusto, contenuti contro vuoto cosmico con all’interno qualche tetta.

Ad emergere oggi dall’anonimato un artista che fa del buon gusto, della creatività e dello spirito educativo i suoi elementi di forza; hing185 ! Vediamo subito le sue opere!

What The PooP

 

Seguite il suo profilo Istagram per le tavole complete e le novità, assolutamente garantita la varietà d’argomenti!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Keijo non vuole passare inosservato e ci riesce benissimo!

Keijo non vuole passare inosservato e qualcosa si era intuito già dalle prime news a riguardo; l’accusa di fanservilismo è servita agli autori per fare dell’eccesso la colonna portante dell’anime, introducendo una pletora di nuove e formose protagoniste che ipnotizzeranno gli spettatori!

keijo-non-vuole-passare-inosservato

Le eroine principali della serie si troveranno in enormi, morbide, strabordanti difficoltà dovute alle tecniche segrete delle nuove arrivate, come ci mostrano le nuove GIF che spopolano in rete relative agli ultimi episodi dell’anime:

Keijo non vuole passare inosservato

A dirla tutta niente di tutto ciò dovrebbe stupire, dato che Keijo in versione anime è una trasposizione fedele del manga; evidentemente il media televisivo suscita più scalpore di quello cartaceo, come dimostrano i detrattori di questo capolavoro, che in patria lo etichettano come “misogynistic child porn” (non sapendo di suscitare ancora più interesse in tutti noi). Fortunatamente c’è sempre chi si impegna a fare un buon lavoro da derubare e pubblicare in articoli inutili come questo, così rubo da Reddit una serie di immagini comparative fra cartone e fumetto:

Ribadendo il concetto che Keijo non vuole passare inosservato tocca anche parlare della collaborazione con Tecmo Koei e dell’introduzione dei costumi da bagno visti nell’anime come DLC gratuito per Dead or Alive Xtreme 3! (costumi esplosivi !!!!!!! )

 

 

 

 

 


 

Yang Young-Soon

Yang Young-Soon è un fumettista Coreano che ha fatto il suo debutto nel 1995, realizzando fumetti come “NudlNude”, “Junk Book”, “Kidongi” (The Little Boy), “Kungdariman” e “Asaekkiga”. Con il suo esordio a fumetti dal titolo “Nudlnude”, Yang Young-Soon  si è da subito fatto riconoscere per lo stile personale nel rappresentare la sessualità di tutti i giorni. Il suo stile inconfondibile e le metafore non troppo velate l’hanno reso in brevissimo tempo un artista popolare fra i pervertiti asiatici. Popolarità consolidata con i lavori successivi, “Kidongi” e “Asaekkiga”, grazie ai quali ha ottenuto popolarità fra un target più giovane. Containerd vuole riproporre i suoi lavori tradotti per il mercato italiano, con i tempi che ovviamente serviranno; di seguito le prime tavole:

Yang Young-Soon – Strisce a fumetti